BELLEZZE DI NATURA  di RICCARDO LUCIETTI

BELLEZZE DI NATURA di RICCARDO LUCIETTI

Camera Service Roma non è solo un punto di riferimento per la tua attrezzatura Canon, è anche uno spazio espositivo che ospita mostre ed iniziative legate al mondo della fotografia.

Questo autunno abbiamo deciso di ripartire con la fotografia naturalistica, in particolare con gli scatti di Riccardo Lucietti che fanno parte del suo personale progetto “Bellezze di Natura”. Questo lavoro ci ha colpito perché l'autore è riuscito ad avvicinarsi in modo discreto e rispettoso al mondo degli animali ma riuscendo allo stesso tempo a cogliere e farci conoscere alcune abitudini e piccole curiosità caratteristiche delle varie specie.

Ecco cosa ci racconta Riccardo a proposito del suo lavoro.

"Ho iniziato a scattare con una macchinetta compatta per diletto e ho visto che la passione per la fotografia cresceva in me sempre più.

Grazie ad alcuni amici ho iniziato ad avvicinarmi al mondo Canon acquistando la mia prima Reflex dopo il conseguimento della laurea.

Da quel momento, ogni fine settimana era motivo di gite fuori porta con l'immancabile compagna di viaggio: la mia Canon!

La passione mi ha portato poi a conoscere diverse associazioni fotografiche ed realtà che trattassero la fotografia, potendo spaziare su diversi ambiti fotografici come street, glamour etc. ma il genere che mi ha colpito a tal punto da volerne fare un lavoro è stata la fotografia naturalistica.

Abbandonai ben presto la carriera legale per cui non mi sentivo realizzato, per intraprendere quella del fotografo freelance per una società di fotografia naturalistica.

Grazie a questa collaborazione ho girato mezza Europa, scattando immagini interessanti sia da capanni fotografici, appositamente costruiti e pensati per fotografia professionale, che da mezzi alternativi come: imbarcazioni stealth, jeep mimetiche, capanni tenda portatili, reti mimetiche coperto di fogliame o semplicemente dalla mia auto, che spesso risultava l'alleata fotografica migliore perché mi consentiva l'avvicinamento indisturbato, alle specie che intendevo ritrarre.

Le immagini esposte fanno parte della collana “Bellezze di Natura”, una raccolta di scatti che ritraggono gli animali secondo le loro pose tipiche della specie trattata.

Il progetto consiste nel mostrare al pubblico determinate posture che le specie di uccelli e mammiferi solitamente assumono per difesa, volo, curiosità, riposo o semplicemente per conformazione corporea.

Per fare un esempio: Il Moriglione (anatra tuffatrice ritratta frontalmente con sfondo rosa) è ripreso in posizione di riposo. L'animale quando è tranquillo si addormenta galleggiando e ripiegando il collo sul petto, ponendo la testa su un lato del corpo e lasciandosi trasportare dalla corrente.

Le fotografie sono state scattate in Italia, soprattutto in Lombardia, Piemonte e Lazio. In quest'ultima particolare importanza la riveste il Centro Habitat Mediterraneo di Ostia, una piccola oasi a due passi dalla Città di Roma e che offre per ogni stagione possibilità di scatto interessanti.

Altre foto sono state realizzate in Spagna nella regione dell'Extremadura.

 

Per quasi tutte le fotografie ho scelto le prime ore della giornata, in modo da sfruttare al meglio la luce bassa dell'alba e al fine di evidenziare le particolarità degli animali che non si apprezzerebbero con luci più dure del giorno.

Altre immagini come la Civetta delle nevi e lo Scoiattolo grigio e la Civetta sono invece state scattate al tramonto e di notte, per rispettare la biologia degli animali più crepuscolari se non notturni.

In oscurità, per garantire una buona riuscita, ho usato diverse tecniche che prevedono sia l'uso sincronizzato dei flash, sia la “lettura spot” della luce in camera.

L'attrezzatura maggiormente usata per realizzare questo tipo di fotografie è composta da due fotocamere digitali Canon Eos 5DMKIII e 7D MKII, dotate di radiocomando e Camranger, un teleobiettivo Canon 400mm f/2.8 L IS USM, con Extender Canon EF 1.4 X II e EF 2.0 X II, un'ottica grand'angolare Canon EF 17-40mm f/4.0 L USM, cavalletto e testa Manfrotto per sostenere il gran peso della lente supertele".

 

RICCARDO LUCIETTI

Share this post